CAMPIONATI ITALIANI SERIE B1, B2 AD ADRIA DI FIORETTO MASCHILE E FEMMINILE E SPADA FEMMINILE

Sostieni i nostri atleti con il 5×1000

DOPPIA PROMOZIONE IN B1

I RAGAZZI DI FIORETTO VINCONO IL CAMPIONATO DI B2

LE RAGAZZE DI SPADA CONQUISTANO IL SECONDO POSTO

27 Aprile 2019

ADRIA – Sono andati in scena all’Adria Raceway International i Campionati italiani di serie B1, B2 e C delle 6 armi.

Nella serie B2, trionfo della nostra compagine di fioretto.

Percorso netto dei nostri ragazzi che non hanno dato scampo agli avversari.

La nostra squadra, composta da Andrea Alno, Andrea Bartolucci, Paolo Carafa e Damiano Di Verol inel girone si è sbarazzata prima del Circolo della Scherma Termi a seguire della Zinella Scherma San Lazzaro di Savena Bologna e della Società Scherma Pordenone.

Negli assalti ad eliminazione diretta è toccato al Club Scherma Colle Val D’Elsa sconfitto 45 a 14 poi nuovamente al Circolo della Scherma Terni 44 a 33. In semifinale il Club Scherma Bari per 45-27 e poi in finale il Dauno Foggia col punteggio di 45 a 33.

Nella Spada femminile grande prova delle nostre ragazze; Aurora Di Veroli, Francescapia Giannatasio, Camilla Fazzini e Alice Tiso che con una spendida gara raggiungono un prestigioso secondo posto.

Le nostre portacolori si arrendono solo in finale alla Bernadi di Ferrara per 42 a 45.

Nella fase a girone successi contro Circolo Scherma Castelfranco Veneto 45 a 39 e Scherma Torino 45 a 37.

Nel tabellone ad eliminazione diretta vittoria per 45 a 28 contro Club Scherma Pesaro; a seguire 45 a 24 con Accademia Scerma Fermo.

In semifinale prestigiosa vittoria contro Ivrea per 45 a 25.

Nota stonata del fine settimana le ragazze di fioretto che pagano la giovane età e non riescono a confermarsi in B1. Aurora Di Veroli, Elisabetta Sambataro, Micaela Basile e Giulia Siani.

Un plauso al maestro Paolo Bottari che con grande professionalità e competenza a seguito sofferto e gioito con in nostri ragazzi.

Sostieni i nostri atleti con il 5×1000

Leave a comment

Your email address will not be published.

*